Festeggiando i successi di CAFE e LPF nella nuova sede di Londra

 

Festeggiando i successi di CAFE e LPF nella nuova sede di Londra

Centre for Access to Football in Europe (Centro Accesso al Calcio in Europa - CAFE) e Level Playing Field (LPF) inaugurano la nuova sede centrale a Wembley

 

Un gruppo di voci autorevoli del mondo dello sport in materia di governance,  inclusione e non discriminazione si sono riunite ieri in un ufficio dell'Olympic Way in occasione dell'apertura della nuova sede centrale di CAFE e LPF.

 

Entrambe le organizzazioni portano avanti una campagna per una migliore accessibilità dei tifosi disabili a livello nazionale ed europeo, sotto la guida dell'Amministratrice delegata di CAFE e Presidente di LPF Joyce Cook, che nel 2012 è stata nominata Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico per i suoi sforzi per la causa.

 

Helen Grant MP

Il Presidente di CAFE e LPF David Bernstein, insignito del  grado di Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico,  già Presidente della FA (Football Association), ha esordito ringraziando la UEFA e i suoi colleghi ufficiali onorari e i fiduciari prima di cedere la parola al Ministro per lo Sport e le Pari opportunità Helen Grant, MP (Member of Parliament – membro della Camera dei Comuni).

 

Il ministro ha colto l'opportunità per sottolineare i 5 anni di successo di CAFE e i continui progressi di Level Playing Field, oltre all'importanza del loro impegno nella promozione dell'accessibilità per i tifosi disabili in Inghilterra e in Galles:

 

“Approfitto di questa occasione per rendere omaggio alla direzione, la dedizione e la passione di Joyce. Lei, David e tutto il team hanno spinto molte persone ad interessarsi e contribuire alle attività di CAFE e Level Playing Field. Certo, c'è molto da fare, e lo sport e il calcio devono pensare a come aumentare i finanziamenti a sostegno di questo importante lavoro.”

 

L'incontro includeva i Vice Presidenti di LPF,  Lord Faulkner e Lord Rosser, il Presidente di  Kick it Out Chair, Lord Herman Ouseley, il membro del Consiglio della FA e del Comitato consultivo e per l'inclusione, nonché Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico Paul Elliott e molti rappresentanti della UEFA, della FA e del mondo dello sport, tutti coinvolti nella discussione su come sostenere CAFE e LPF per ottenere l'accessibilità agli eventi sportivi per tutti i tifosi disabili.

 

Patrick Gasser è giunto appositamente da Ginevra per confermare l'impegno dell'UEFA:

 

“Dal momento in cui  Level Playing Field è venuta alla ribalta ricevendo il  Brussels Fans Award nel 2008, non l'abbiamo mai persa di vista. La UEFA e CAFE nel 2011 hanno pubblicato “Access for All” (Accessibilità per tutti), disponibile adesso in 14 lingue, dove sono elencati i nostri standard minimi, e stiamo elaborando dei nuovi criteri per le licenze dei club per la prossima stagione. Ciò dovrebbe portare ad avere un funzionario per le relazioni dedicato all'accessibilità  in ogni Club o Associazione.” (Le finali e i tornei principali dell'UEFA, grazie al supporto di CAFE sono sempre più accessibili grazie a progetti paralleli volti a garantire l'accessibilità per tutti). “E vogliamo continuare a lavorare insieme a CAFE per portare avanti questo programma.”

 

L'evento ha visto inoltre l'insediamento di David Davies (Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico) come fiduciario di CAFE e Vice Presidente di  Level Playing Field, ma il discorso conclusivo è stato affidato a Joyce Cook che ha utilizzato il palco per lanciare una sfida ai club e agli organi governativi:

 

“Abbiamo garantito che ciò sia all'ordine del giorno in Europa e non solo. Ma questo argomento ci sta davvero a cuore?”

 

Elogiando l'UEFA, che ha detto ha contribuito a far sì che “... ciò che è apparentemente impossibile diventasse la norma”, la Cook ha elencato molti esempi di migliore accessibilità in Europa che hanno fatto aumentare il numero dei tifosi disabili negli stadi.

 

“Dobbiamo essere decisi, imparare sempre dai nostri successi ma anche assumerci le nostre responsabilità. Non dipende solo dai club; anche gli organi governativi hanno una responsabilità concreta e non c'è motivo per non concedere a questo argomento la stessa fiducia data ad altre forme di discriminazione e regolamentazione.”

 

“Bisogna essere chiari, quando a un disabile è negato l'accesso... fa male, si tratta di discriminazione e esclusione nella loro forma peggiore. Ci viene detto che, in quanto disabili, siamo meno importanti, meno valutati, meno degni. È questo che vogliamo? È questa la reputazione che vogliamo per i nostri sport, i nostri club, per tutti noi? O dobbiamo cercare un'inclusione effettiva. È ora di fare di più. Sì, è ora!”

 

Nota editoriale

 

 

Centre for Access to Football in Europe (CAFE)

 

CAFE, ente benefico a livello europeo registrato nel Regno Unito, è nato per sviluppare ulteriormente le iniziative intraprese da Level Playing Field nel territorio di competenza dell'UEFA. Lo scopo primario di CAFE è garantire l'accessibilità per tutti negli stadi e una piacevole esperienza del giorno della partita utilizzando la particolare influenza del calcio.

 

A partire dalla sua fondazione nel 2009, grazie a finanziamenti elargiti dalla UEFA, CAFE ha guadagnato stima a livello mondiale come il massimo esperto in questo campo e nel 2011 ha realizzato insieme all'UEFA una Guida delle buone pratiche per uno stadio accessibile e una partita piacevole – Accessibilità per tutti. Tale documento è ora disponibile in 14 lingue.

 

Per garantire un'eredità duratura, CAFE si sta impegnando anche per autorizzare i disabili ad agire a livello locale in difesa dei propri diritti per cambiare a livello di club e a livello nazionale.

 

Inoltre CAFE sta usando la vetrina del calcio come catalizzatore per un più ampio cambiamento a livello sociale, per aumentare la consapevolezza della disabilità e l'importanza di una buona accessibilità in tutta Europa.

 

CAFE lavora a stretto contatto con l'UEFA per migliorare l'accessibilità e l'inclusione nei tornei e nelle finali principali delle associazioni, club e altre parti interessate membri dell'UEFA.

 

Di recente, CAFE ha iniziato a collaborare con la FIFA per dare consigli sull'accessibilità degli stadi e la disabilità e fornire una guida per i tornei. Ciò ha compreso un progetto inerente la Coppa del Mondo di Calcio 2014, dove CAFE ha introdotto un commento audio descrittivo per i tifosi non vedenti negli stadi brasiliani.

 

www.cafefootball.eu 

 

 

Level Playing Field (LPF)

 

Level Playing Field è stata costituita nel 1998 quando tifosi disabili di molti club discussero inseme i problemi e le sfide comuni. Decisero di istituire la National Association of Disabled Supporters (Associazone Nazionale Tifosi Disabili) per rappresentare i tifosi di calcio disabili, che nel 2000 ha ottenuto lo status di ente di beneficenza. Nel 2008, l'ente ha esteso i propri obiettivi a tutti gli sport e ha cambiato il nome in Level Playing Field.

 

LPF lavora con gli enti governativi sportivi, club, ONG dedicate alle pari opportunità e alla disabilità in Inghilterra e Galles per migliorare l'accesso agli impianti sportivi e permettere agli spettatori disabili di assistere agli eventi dal vivo.

 

LPF è stata fondata dal Football Stadia Improvement Fund (Fans Fund) e dalla Football Association.

 

I progetti di LPF hanno ampia portata. Le iniziative più recenti hanno incluso Match Buddies, un progetto creato a Wigan per educare tifosi disabili e non il giorno della partita e non solo.

 

LPF ha offerto pareri e consulenze per Londra 2012 e sta attualmente lavorando per England 2015.

 

Nel 2012, LPD ha sviluppato il proprio audit per l'accessibilità per offrire ai club e agli impianti sportivi specifici audit per l'accessibilità a livello professionale. LPF è considerata una specialista nel campo e ha effettuato audit in molti impianti sportivi. Recentemente, LPF è stato incaricato di controllare i club del campionato FA del Galles, tutti i club della RFL (Rugby Football League) e molti campi della ECB (England and Wales Cricket Board).

 

www.levelplayingfield.org.uk

 

 

Per ulteriori informazione contattare info@cafefootball.eu e +44(0)20 8621 2405.